Dal 28 Settembre 2019

TORTURE

La tortura a Venezia era utilizzata per provocare la confessione “spontanea” dell’imputato e per un reato punibile con pena corporale e con gravi indizi di colpevolezza (come due testimoni attendibili…). Erano esclusi comunque i ragazzi sotto i 14 anni, le donne incinte e le puerpere fino a 40 giorni dopo il parto, gli ultrasessantenni, dottori, avvocati, cavalieri e malati. Tra gli esclusi non figurano i Nobili (per un concetto di uguaglianza molto moderno). Minaccia, sistemazione sullo strumento di tortura e tortura vera e propria i tre passaggi previsti. Squassada, tavolo di stiramento, tizzoni ardenti e pochi altri gli strumenti testimoniati ed ospitati dalla Camera del Tormento in Palazzo Ducale.

 

LA PREXON (LA CARCERE)

Verso la metà del XIII secolo Venezia introduce la pena di detenzione in carcere per reati come omicidio colposo, bestemmia “minore”, “falso parto”, le scommesse, i debiti insoluti, la pubblicazione di libri proibiti… La prexon, poiché  piuttosto dura, durava dai pochi giorni ai 4 anni. Il declino della pena detentiva iniziò a metà XVII secolo, per i costi di gestione delle prigioni, ma soprattutto per la penuria di vogatori volontari. La carcerazione si permuta quindi in “pena di vogar al remo in galea in cathena…” (la “galera”).

 

LA PREXON (LA CARCERE)

Verso la metà del XIII secolo Venezia introduce la pena di detenzione in carcere per reati come omicidio colposo, bestemmia “minore”, “falso parto”, le scommesse, i debiti insoluti, la pubblicazione di libri proibiti… La prexon, poiché  piuttosto dura, durava dai pochi giorni ai 4 anni. Il declino della pena detentiva iniziò a metà XVII secolo, per i costi di gestione delle prigioni, ma soprattutto per la penuria di vogatori volontari. La carcerazione si permuta quindi in “pena di vogar al remo in galea in cathena…” (la “galera”).

 

LE PENE NON CAPITALI E LA PENA DI MORTE

Oltre alle pene corporali (amputazione di mani, occhi, braccia, orecchi…, frusta, bando, prigione e Galera…) e alle non corporali come le multe in denaro, la pena capitale si realizzava con svariate modalità, come l’impiccagione, il soffocamento, la descopata (un colpo di mazza del boia al capo del reo), l’affogamento… Omicidio con pensamento, Rapto di donna honesta, stupro, sodomia , incendiarij…molte le cause per tale pena, progressivamente nei secoli abbandonata proprio per la sua crudeltà, fino a venire quasi meno nell’ultimo secolo della Repubblica.

L’INQUISIZIONE

Nel 1542 Roma istituisce il Tribunale del Santo Uffizio. Ma Venezia tarda ad accogliere le sollecitazioni del Papa, perché la Repubblica non tollera una giustizia che comprima le libertà della Serenissima. Un compromesso si raggiunge con la nomina del Tre Savi all’Eresia, che di fatto controllano il Tribunale Canonico.

Storie di eretici, streghe, processi, condanne, patiboli, figure immense come Giordano Bruno, Galileo Galilei, Veronese e Paolo Sarpi. Ma la Serenissima, terra di accoglienza e convivenza spesso “interessata”, ha mantenuto la propria autonomia anche nell’era buia dell’Inquisizione.

L’INQUISIZIONE

Nel 1542 Roma istituisce il Tribunale del Santo Uffizio. Ma Venezia tarda ad accogliere le sollecitazioni del Papa, perché la Repubblica non tollera una giustizia che comprima le libertà della Serenissima. Un compromesso si raggiunge con la nomina del Tre Savi all’Eresia, che di fatto controllano il Tribunale Canonico.

Storie di eretici, streghe, processi, condanne, patiboli, figure immense come Giordano Bruno, Galileo Galilei, Veronese e Paolo Sarpi. Ma la Serenissima, terra di accoglienza e convivenza spesso “interessata”, ha mantenuto la propria autonomia anche nell’era buia dell’Inquisizione.

Richiedi informazioni

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa ex artt. 13 e 14 Reg. UE 2016/679